venerdì, giugno 02, 2006


Ormai quindici giorni orsono la Mamma mi aveva specificato che per il suo compleanno non voleva regali, non aveva bisogno di niente.... Ma proprio niente no, non me la sentivo. Ecco allora che mi è tornata utile questa ricettina facile facile: dei BISCOTTINI VIENNESI, con cui si possono formare tutte le figure che la fantasia suggerisce.
Ecco gli INGREDIENTI:
100g di burro
50g di zucchero a velo
una puntina di vaniglia
150g di farina
un pizzico di sale
albume q.b.
Con lo sbattitore impastare il burro con lo zucchero fino ad ottenere una crema, aggiungere il sale, la vaniglia e la farina. Continuare ad amalgamare gli ingredienti (bisogna avere un po' di pazienza) e poi aggiungere poco alla volta l'albume leggermente sbattuto: si deve ottenere un impasto omogeneo ma molto consistente (tipo "malta"). Mettere l'impasto in una siringa con bocchetta dentellata e "scrivere" direttamente sulla placca del forno. Cuocere a 160° per circa 20 minuti (si devono colorare leggermente).
Abbinamento: Picolit
Il Commensale, non potendo mettere mano sui biscottini pronti, ha pulito la terrina dall'impasto crudo...
Tanti auguri mamma, grazie per tutto quello che hai fatto e continui a fare per me, GRAZIE DI ESISTERE. Ti dedico una poesia (ancora D'Annunzio, sì....) che mi ha riportato alla memoria un amico virtuale... Grazie Topozozo! Leggetela, è speciale...


POST-UMO: un'occasione del genere non poteva non essere festeggiata nel mio ristorante preferito, che fra parentesi la festeggiata non aveva ancora avuto il piacere di provare...
Ecco qualche assaggio virtuale dal menù di oggi:


Schile* sulla polentina

Mousse di coda di rospo
su sfogliatine di polenta


Gnocchi di carote
con ricotta di Montefosca**

Lasagnette agli asparagi


Trancio di tonno di Carloforte

Ravioli con sclopìt***
in salsa di soia

Mattonella di cioccolato bianco

Bavarese alle fragole

*Gamberetti nostrani
**Montefosca è un piccolo borgo vicino a Cividale (UD) dove un piccolo produttore prepara la ricotta "come una volta" (produce una ricotta ed un formaggio al giorno)
***Lo sclopìt è un'erbetta di campo, in italiano "silene"


Il vino? Questa volta non abbiamo esagerato... Ed infatti la qualità delle foto è un'altra cosa rispetto alla precedente... E' rimasto quello dell'antipasto, ossia un ottimo Brut "IL GRIGIO" Eugenio Collavini.

Commento Sul Commensale (quello solito): sembrava fosse a dieta da una settimana...

6 commenti:

violacea ha detto...

wow ma quanti gemellini che sto scoprendo, anche la tua mamma!!! auguri di cuore alla mamma, sarà rimasta certamente contenta del tuo pensiero "dolcissimo"
baci

Mamma ha detto...

Grazie Venere... o meglio "NININ"... Ricordi? Già gli auguri mi hanno saziata, i biscottini una meraviglia per gli occhi e per il palato. La poesia, che dire? Non si può commentare, io non ci riesco. Grazie di cuore perchè anche tu ci sei e un po' di me c'è in te. Ti voglio bene, anzi, Vi voglio bene....

venere ha detto...

Ciao Viola: grazie per gli auguri da parte della mamma e anche da parte mia (perchè una parte di Lei è in me)!
Mamma: le tue parole sono come quelle della poesia, non si possono commentare ma emozionano tanto... Per Te che rappresenti una parte importante di tutto il mio Amore vorrei fare molto, molto di più...

topozozo ha detto...

Hai avuto per tua mamma un pensiero davvero originale e delicato. Tra l'altro anche mia mamma dice sempre di non aver bisogno nulla e di non volere regali.
Fare di più per lei, ecco, questo sarebbe forse il regalo più bello che potrei farle, apparentemente così naturale ma in realtà così difficile da donare, specie quando anziché vivere si lavora e si sopravvive di convenzioni e abitudini, specie quando non tutto è poesia.

Maria Giovanna ha detto...

Auguri alla tua mamma cara Venere.

P.s.
Anche se ieri sono passata di qui solo ora leggo la tua prefazione al blog e a quanto una parola, PASSIONE, ci accomuna e ci fà guardare nella stessa direzione, sembra quasi una cosa scritta da me!

venere ha detto...

Topo: l'importante è non perdere di vista le cose importanti, sai le mamme (sicuramente la mia e la tua, purtroppo non tutti hanno questa fortuna...) sanno leggerti nel cuore e capire tutto quello che si nasconde dietro convenzioni, abitudini, fretta di vivere...
MaGiò: avevo subito notato questo punto in comune, condividere la stessa passione ci avvicina davvero! Ecco il grande potere di questo mezzo: se ci incontrassimo per strada non saremmo tutti così vicini... Grazie per gli auguri!