martedì, novembre 20, 2007

Chiccate amici, chiccate!


Volevo postare una ricetta, ma aprendo la mail (con i miei soliti tempi biblici) ho letto di questa iniziativa. da amante dei quiz non potevo resistere a quindi vi contagio! Se poi non viene realizzato quanto promesso, pazienza, vi siete perlomeno divertiti un po'... Però ho sempre ritenuto che il riso abbia delle potenzialità! Ecco di cosa si tratta.
Sfamare il mondo imparando l'inglese. È l'idea lanciata da FreeRice (Riso Gratis), il nuovo gioco-tormentone che ha conquistato gli internauti e sta facendo la felicità del Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite. In un mese il quiz ha prodotto tanto cibo da nutrire 50mila persone per un giorno. Come? Sul sito http://www.freerice.com appaiono una parola e quattro definizioni. Se si clicca sulla risposta corretta gli sponsor del programma donano dieci chicchi di riso al Pam (Programma Alimentare Mondiale). Con cento chicchi si sfama una persona, basta continuare a indovinare (magari con l'aiuto di un vocabolario quando la sfida si fa dura) e in pochi minuti si possono sfamare tanti bambini. «Attenzione - promette il sito - questo gioco vi farà diventare più bravi. Migliorerà il vostro vocabolario, la vostra eloquenza, vi aiuterà sul lavoro. Fatelo per due giorni e parole che non avevate mai sentito vi verranno in mente senza sforzo». Provare per credere. Cosa vuol dire bachelorette? Oppure valance? O pettifogger? Ogni tre risposte esatte il livello di difficoltà sale per mantenere alta l'attenzione, ma al primo errore si torna indietro e bisogna risalire la china. Certo dieci chicchi di riso sembrano quasi «niente» ma a giudicare dai risultati sono più che abbastanza. FreeRice, infatti, è in crescita esponenziale. Il 7 ottobre, giorno del suo debutto, erano stati prodotti solo 830 chicchi. La scorsa settimana, si era arrivati 63.253.810. Ieri a 212.660.970. Domani? Dipende anche da Noi!

5 commenti:

Tulip ha detto...

Vado a dare un'occhiata.
grazie per la segnalazione!

Stefano BUSO ha detto...

vago per nebbie novembrine ed eccomi, per voler del fato, su questo bellissimo atollo del gusto
Stefano

Gunther K.Fuchs ha detto...

trovo la cosa piacevole e interessante, vado a vederlo

venere ha detto...

Ciao Tulip, se non ci si aiuta così...
Stefano, come al solito le Tue parole mi lusingano... allora c'è uno spiraglio dietro la nebbia;-)
Karl, credo anch'io, augurandoti buon divertimento...

Cipolla ha detto...

Fatto... è divertente e si fa qualcosa di bello!!!
Ciao :))