giovedì, settembre 06, 2007

Abbinamento rivisitato


Ciao a tutti, non sono andata di nuovo in vacanza, solo che in questo periodo sto lavorando un po' troppo... beh ci saranno tempi migliori!

Mi era sembrato molto interessante un capitolo del libro "I piatti unici" della solita collana uscita qualche tempo fa con il Corriere della Sera, da cui più volte ho attinto ispirazione: proponeva un piatto tradizionale rivisitato in chiave moderna, versione piatto unico. Vi dò qualche esempio, affinchè anche voi possiate trarne ispirazione: le Trenette al pesto vengono raffreddate e composte in un Nido di trenette con gamberi al vapore; Prosciutto e melone si trasforma in Zuppetta fredda di melone con rose di prosciutto; Cotechino e lenticchie diventa un raffinato Cotechino in crosta di pane alle erbe... e così via.
Adoro i piatti unici, mi sembra di saziarmi di più, ed ancora di più adoro mantenere nella preparazione i sapori separati per poi mescolarli a piacere al momento dell'assaggio. Il piatto che vi illustro è più che altro una semplice composizione, prendendo spunto dal classico abbinamento "gamberi e zucchine".

Gli ingredienti:
riso nero venere
gamberi sgusciati freschissimi
zucchine
erbette a piacere (le zucchine stanno a meraviglia col basilico o con la menta, ma sbizzarritevi pure)
olio extravergine: direi di stare al centro-nord (Liguria-Umbria) o al massimo traghettare in sardegna per la scelta

Si cuoce il riso venere con il metodo ormai collaudato (vedere QUI), suggeritomi da Annika (ma mi ritorni a trovare?): con questo sistema di cottura i chicchi, pur rimanendo al dente, cominciano a cedere un pò di amido, assumendo una vaga consistenza di risotto, perfetta per questo piatto. Suggerisco di non utilizzare un tovagliolo, pena la macchiatura indelebile di un bel viola venere, ma di sfruttare una più macchiabile carta assorbente, ripiegata a misura di coperchio!
Le zucchine, anch'esse freschissime, si frullano a crudo con un filo d'olio, qualche chicco di sale grosso e le erbette prescelte. Eventualmente aggiungete un filo d'acqua se vi pare troppo denso, non esagerate con l'olio!
I gamberi vanno impiattati sul riso appena cotto, in modo che con il calore si schiariscano leggermente. Se vi piace, vi consiglio di spargerne qualcuno anche sul piatto, da assaggiare crudo. Un filo d'olio per condire ed è FATTO!

5 commenti:

ReaLupin ha detto...

Buono! Adoro i gamberi, mi hai dato una bella idea.

PS Un consiglio, quando vuoi linkare un commento specifico copia l'indirizzo che compare sull'ora in cui il commento è stato postato e vedrai che comparirà in primo piano.
CIAO

Dolcetto ha detto...

Devo assolutamente provare il riso nero: mi manca! E poi fa un figurone! Bella ricettina venere, davvero sfiziosa!

venere ha detto...

Grazie x il consiglio Realupin! Sulla gestione della mia pagina web ho ancora moltissimo da imparare...
Grazie Dolcetto! Il riso venere è veramente ottimo... non resistere ancora!

Viviana ha detto...

Venere, è delizioso!! io poi adoro i gamberi crudi!!! ho scoperto anche il metodo di cottura del tuo riso preferito... il resto del pacco lo cuocerò così!! ciao

venere ha detto...

Cara Viviana, credo sia il sistema di cottura migliore in assoluto, poi facci quello che vuoi: in padella, in insalata, risotto-style...